fbpx

Quanto è social la tua azienda?

Vocaboldario web
VocalBoldario: web
6 Aprile 2016
8 app per far felice una mamma
8 App per far felice una mamma
6 Maggio 2016
Quanto è social la tua azienda

I social network rappresentano per l’azienda un canale di comunicazione da cui non si può prescindere per poter attuare una strategia efficace.

Gli utenti di queste piattaforme aumentano giorno dopo giorno e ormai sembrano evidenti da parte delle aziende l’accettazione e la comprensione dell’importanza di far sentire la propria presenza attraverso questi nuovi mezzi offerti dal web 2.0. Oltre a tutto ciò bisogna aggiungere l’influenza che ha avuto l’introduzione sul mercato di dispositivi, come smartphone e tablet, i quali rendono l’utilizzo dei social ancora più semplice ed immediato.

Se lo scoglio della comprensione sembra essere superato, il tema non può che spostarsi sull’uso e sulla qualità delle interazioni social che le aziende adottano per sviluppare il proprio business.

La funzione principale dei social network è la comunicazione.

Ragion per cui se un’azienda attiva le proprie piattaforme social con il solo scopo di incrementare le vendite l’imprenditore di turno resterà certamente deluso.

Brandig, Customer Satisfaction e Customer Care sono solo alcune delle declinazioni possibili.

Se aprirsi un profilo su un qualsiasi social network può rivelarsi semplice, gestirlo con l’obiettivo di ottenere precisi risultati lo è un po’ meno.

A monte deve essere fatta un’analisi dettagliata di tutto ciò che riguarda la comunicazione legata all’azienda, la quale possa permettere di realizzare una strategia che prenda in considerazione anche i social network come canali per veicolare il messaggio. Quando però tutto questo diventa difficile da gestire, sia per mancanza di competenze sia per mancanza di strumenti adeguati, è meglio prendere in considerazione la scelta di affidarsi a dei professionisti esterni che possano dare la giusta qualità alla comunicazione nel suo complesso.

L’ultima tendenza vede l’utilizzo dei social anche per la comunicazione interna e quindi diretta ai dipendenti.

Come è ovvio intuire, certi aspetti fondamentali in questo caso vengono meno e il social assume più il ruolo delle ormai vecchie, ma ancora oggi usate, Intranet aziendali. Rappresentano, piuttosto, uno strumento user-friendly con il quale il dipendente può essere più invogliato all’interazione.

La quantità sui social è importante. Dare frequenza di contenuti permette una più alta visibilità. La qualità però è fondamentale.

Essere in sintonia con il proprio bacino di utenza o i propri follower utilizzando il giusto vocabolario e i giusti contenuti è la chiave vincente nell’utilizzo dei social. Tanti contenuti ma di scarsa qualità non produrranno alcun effetto. Come si dice in questi casi: “Meglio pochi ma buoni!

Ecco che allora è certamente importante chiedersi: “Quanto è social la mia azienda?”.  Quel “Quanto” però deve poter andare oltre un dato statistico numerico legato alla sola quantità.

Nella domanda specifica il “Quanto” deve significare: quantità, qualità, sinergia, empatia, emozione, trasparenza.

Solo un’interpretazione in questo senso può giustificare una risposta alla domanda.

Rivolgersi a dei professionisti del settore è sicuramente il modo migliore per rispondere a questa domanda. Se i dati di insight forniti dalle varie piattaforme possono essere di facile interpretazione e utili a capire l’andamento delle attività, bisogna anche essere coscienti della presenza di una miriade di dati e feedback che solo degli esperti sono in grado di ricavare ma soprattutto di interpretare al meglio.

Nel frattempo fai questo “giochino”, rispondi alle 5 domande di seguito e trova il social network più adatto alla tua attività:

A) Quali sono le tue aspettative da un social network?

1. Acquisire nuovi clienti
2. Diventare il migliore
3. Aumentare la propria reputazione
4. Diffusione del proprio brand


B) Qual è il tempo che puoi dedicare ai social network?

1. Una manciata di minuti a settimana
2. Un’ora a settimana
3. Poco o niente
4. Qualche ora alla settimana


C) In che settore si colloca la tua attività?

1. Servizi
2. Abbigliamento
3. Turismo e ristorazione
4. Attività commerciali


D) Quali delle attività è più vicina alla comunicazione del tuo settore?

1. Presentazione del brand
2. Immagini di prodotti
3. Una promozione
4. Un gioco


E) Quanti utenti speri di raggiungere?

1. Professionisti
2. Utenti alla attenti alle mode
3. Solo possibili clienti
4. Più persone possibili


RISULTATI

Se la maggioranza di risposte è stata “A”, il social più adatto alla tua attività è: LINKEDIN.
La tua attività è principalmente B2B e questo social ti permette di selezionare un’utenza di professionisti e operatori del settore che potrebbero interagire con la tua azienda.

Se la maggioranza di risposte è stata “B”, il social più adatto alla tua attività è: INSTAGRAM o PINTEREST.
Istagram e Pinterest sono i social per eccellenza per lavorare e condividere immagini e fotografie, grazie ad un’utenza giovane e attenta alle nuove tendenze.

Se la maggioranza di risposte è stata “C”, il social più adatto alla tua attività è: TRIPADVISOR o THE FORK.
Due social network perfetti per chi ha delle attività di ristorazioni o alberghiere. Il consiglio è comunque quello di utilizzarli entrambi insieme alla pagina Facebook che in questi settori non deve mai mancare.

Se la maggioranza di risposte è stata “D”, il social più adatto alla tua attività è: FACEBOOK.
Il social network indicato a chi è in cerca di papabili nuovi clienti e per promuovere il proprio brand e i propri prodotti con campagne mirate.

Insomma… i social non sono un gioco!
Tante aziende l’hanno capito! E la tua?

Please follow and like us:
error0